Shanti Perera è più inglese di un inglese

Mio figlio adesso se ne sta per i fatti suoi, a studiare lontano da casa. Ma quando aveva quattro anni l’abbiamo portato in Sri Lanka, su una spiaggia dove i cobra si esercitavano a spaventare la gente. Aveva la varicella, roba neanche da dire, gli è passata fra le onde di quell’oceano furioso. Qui ci sono appunti pubblicati su Amazon
Cover MOUNT LAVINIA 1
Shanti Perera scandisce le parole, sorseggia thé e Fanta e riposa sulla chaise longue. E’ probabile che pensi  sia troppa la carta igienica che usiamo. Per quanto riguarda la colazione che lui e la moglie ci servono poco dopo le sette e trenta mancano sempre una tazza e due fette di Pan carrè; latte e burro sono razionati. Ci illustra la sua abitazione, un vasto salone con veranda dotato di un divano “antico” in ebano con scoiattoli e pavone intagliati. “Peacock?”  “yes, Peacock” risponde.
Shanti Perera è uno che deve avere conosciuto tempi migliori. La Torre di Pisa, il Colosseo, Venezia sono tappe di un lungo viaggio da cui ha riportato una statuetta di Capodimonte col braccio spezzato, un portacenere ingiallito, dei bicchieri color rubino e tanti ricordi  che girano dentro. “ E la mafia?”   “Tutto il mondo è paese”  gli rispondo.
Lui dice che è proprio così, che adesso fanno le rapine per avere l’incasso dei minimarket anche su Galle Road. Dei Tamil e del recente attentato non ne parliamo. Shanti Perera tiene alla reputazione. Precisa che la sua casa non è una Guest house ma una Family house. Un po’ da tutta Europa i suoi “ospiti” gli mandano auguri di buon anno.  Ma a mia moglie non va giù che, secondo i suoi calcoli, l’affitto giornaliero della stanza sia superiore di cinque dollari.
“Per quella cifra dovrebbe cambiarci le lenzuola, darci  uova e bacon a colazione e altro….”
La moglie di Perera conserva tracce di una bellezza rara. Le manca un dente ed ha la pancia.
Ma una luce negli occhi le accende lo sguardo. Ha appena lavato il suo shari da cerimonia indossato per la festa del Santo Natale , perchè sono cristiani cattolici. Lo ha steso ad asciugare nel giardinetto che costeggia la casa. Proprio di fianco stendiamo anche noi il nostro bucato…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s