Giuro che l’ho sognato. Era vivo!

matiNon mi son tolta nemmeno il cappotto, sono arrivata in classe anche in ritardo..
I ragazzi mi stavano aspettando. -Che cos’ha signora professoressa?-
-…Ah!…terribile, ragazzi, terribile.- Ho dovuto raccontare loro cosa mi è successo. Un sogno, un incubo, una cosa che non so nemmeno io…mah! Spero di ritrovarlo!- -Ma chi?- -Il cane! Lo abbiamo perso. Sparito!! Gin Gin: sparito!- Eravamo andati nella valle. La nostra solita passeggiata con Aldo e Gin Gin. Non fa in tempo a toglierli il guinzaglio e lui: Vam! Schizza via a palla. -Terrier!- Grida Aldo. -Terrier!- Macché. Tutta la zona è una groviera. Nel terreno si aprono cunicoli e buchi, che non si contano. Ci entrano tassi, volpi, e… cani. Anche lui c’è entrato, ne sono sicura. Non l’abbiamo più visto, lo sentivamo abbaiare, come faceva il cane del Giovanni, povero Gin Gin! Deve essersi infilato in una tana, e poi si è perso.-
-Non si preoccupi signora professoressa! Vedrà che lo trova il suo Gin Gin!- Mi dicono in coro i ragazzi. -Sì, lo so che lo trovo, ….l’ho sognato.-

Passa un giorno e una notte e sento raspare alla porta del garage del Romito. Era Gin Gin, che mi guardava con un’espressione come per dire: beh!? Ma dove siete stati tutto questo tempo? Si era infilato in una galleria della valle del Guaraldi ed era stato capace di uscirne.….Non come altri cani. Tratto da EXTRA LIMEN, di prossima pubblicazione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s