L’avevo imbottita di giornali. Con quel vento!

DSCN0488Coi ragazzi delle mie classi ho un rapporto particolare, fatto di fiducia e di attenzione. Me lo dicono loro stessi: Sono la loro signora professoressa, a volte mi viene da ridere quando mi sento chiamare così. Insegnare non mi stanca, l’ho fatto a Torino, a Casale, a volte li scopro incantarsi per le storie che racconto loro. Non gli insegno soltanto educazione artistica, cerco di interessarmi ai loro problemi, di farmi dire cosa più gli piace, certo che ci sono anche delle teste quadre, le ragazzine già sviluppate e i maschi ancora nel mondo dei sogni. Alcuni di loro si sono affezionati a me e al mio mondo. Sono ghiotti di notizie, mi chiedono come facciamo a vivere Aldo ed io su un bricco, senza televisione e senza telefono. Mi guardano sorpresi e non osano dire quello che pensano. Ma sono curiosi. Ce n’è una che mi viene a trovare anche al Romito in bicicletta. E si deve fare un sacco di chilometri, per il gusto di stare con me, a chiacchierare. Un giorno è venuta che tirava un vento forte. Masna! Le ho dato un tè e dei biscotti. So che ha timore di Aldo. Quando è arrivato il momento del congedo l’ho imbottita di giornali e lo ho fatto mille raccomandazioni. Che andasse piano! con tutto quel vento! Poteva andare fuori strada. Alcuni mi vogliono bene, come lei! Mi viene il magone se ci penso. Io non ho ancora figli.

Brano tratto da I TESORI DELLA VALLE DI TUFO

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s