Museo civico di Moncalvo 4 giugno – 31 luglio 2016

DONNADONNE – ARTE AL FEMMINILE  

Una selezione delle opere di Matilde Izzia di Ricaldone allestita da A.L.E.R.A.M.O. onlus per il Museo civico di Moncalvo

http://www.aleramonlus.it
www.facebook.com/museocivicomoncalvo
www.facebook.com/aleramonlus

romito 4  Questa è casa nostra. Si chiama Romito. Ci è costata un patrimonio. La prima era troppo piccola. Non ci stavano più i libri di Aldo e le mie tele. La roba era troppa. Adesso non abbiamo neanche più un soldo. L’abbiamo fatta costruire nel 1966, con blocchi di tufo e le finestre a monofora a sesto acuto, ha un camino, dentro e fuori che sembrano monumenti. A volte mi fermo a guardare il comignolo, così non se ne fanno più. L’ha fatto un vero artista. Anche Aldo lo dice, solo che il camino acceso ogni tanto fa un gran fumo, si vede che è sbagliato il tiraggio e bisogna metterlo a posto.  Basterà ridurre la bocca in altezza, dove ci passa quasi un uomo. Eccola la casa dei nostri sogni, ci staremo per sempre, ma io un “piedino” in città voglio tenerlo, a Torino ho ancora l’attività da insegnante di educazione artistica e degli amici e poi a qualche bello spettacolo di teatro ci voglio andare. Così abbiamo anche un mini alloggio vicino al Po. Quello di via Sineo era diventato troppo costoso. Aldo lì ci ha dormito solo una volta. Aldo, attorno alla casa vorrebbe piantarci degli alberi, ma la terra ha troppo tufo dentro, non ci cresce niente, l’orto nemmeno a pensarci, figuriamoci. Mio marito! Te lo vedi a piantare i pomodori e a zappare la terra? Dietro la casa fa un gran caldo, ci muore il sole e da lì si gode uno dei famosi panorami mozzafiato del Monferrato. Verso il tramonto con Aldo ci mettiamo a guardare e non ci stanchiamo, sembra una magia, non si avrebbe voglia di rincasare. Il Monferrato è una terra magica, dalle mille leggende, dai mille inviti. Ci sono nata qui, a Casale Monferrato. E se dovessi rinascere vorrei che fosse ancora da queste parti.